Informazioni

DURATA 70 minuti


BOX SAVERIO LA RUINA
4 spettacoli e 3 piacevoli conversazioni con Saverio La Ruina
> € 40,00
Acquistabile on-line e in biglietteria a partire dal 19 settembre 2017


PREZZI BIGLIETTI
posto unico non numerato > € 15,00

Per tutti i biglietti sono previste le seguenti RIDUZIONI:
- SOCI COOP: 20%
- OVER 65 e CONVENZIONI: 30%
- UNDER 25: 40%
- DISOCCUPATI e CASSINT.: 50%
- ACQUISTO ON-LINE: 5% (sul prezzo intero o ridotto)
- LAST MINUTE: 50% sul prezzo intero -non cumulabile con altre riduzioni- acquistando al botteghino nei 15 minuti prima dell'inizio dello spettacolo



> http://ticka.metastasio.it
> Biglietteria Metastasio
via Cairoli 59, tel. 0574/608501
> Circuito Box Office
tel. 055/210804
> Tabaccheria Bigi Prato
via Bologna 77, tel. 0574/462310

acquista biglietto

Spettacolo

17 febbraio 2018 | ore 19.30 | Teatro Magnolfi

la Borto

di e con SAVERIO LA RUINA
musiche composte ed eseguite dal vivo Gianfranco De Franco
contributo alla drammaturgia Monica De Simone
disegno luci Dario De Luca
organizzazione e distribuzione Settimio Pisano

produzione Scena Verticale

- Premio UBU 2010 Migliore testo italiano
- Nomination Premio UBU 2010 Migliore attore
- Premio Hystrio alla Drammaturgia 2010
- Testo selezionato per il progetto Face à Face 2010

 

Non è solo la storia di un aborto. È la storia di una donna in una società dominata dall’atteggiamento e dallo sguardo maschili: uno sguardo predatorio che si avvinghia, violenta e offende; un atteggiamento che provoca gli eventi ma fugge le responsabilità. L’aborto ne è solo una delle tante conseguenze. Ma ne è la conseguenza più estrema. La protagonista racconta l’universo femminile di un paese del meridione. Schiacciata da una società costruita da uomini con regole che non le concedono appigli, e che ancora oggi nel suo profondo stenta a cambiare, Vittoria racconta il suo calvario in un sud arretrato e opprimente. E lo fa nei toni ironici, realistici e visionari insieme, propri di certe donne del sud. Non mancano momenti sarcastici e ironici come quando gli uomini geometri misurano il corpo femminile come se al posto degli occhi avessero il metro. O come quando il paese si trasforma in una immensa chiesa a cielo aperto per scongiurare le gravidanze. Né quelli commoventi legati alla decimazione del 'coro' delle donne. Ma quando la protagonista chiude il cerchio col racconto del calvario della nipote, il sarcasmo e la commozione lasciano il posto a una profonda amarezza, mettendoci davanti alla dura e ambigua realtà dei nostri giorni.

__________________________________________

PIACEVOLI CONVERSAZIONI CON SAVERIO LA RUINA
Martedì 13, mercoledì 14 e giovedì 15 febbraio, alle ore 20.45, i possessori di biglietto o abbonamento (per uno o entrambi gli spettacoli) o di Box Saverio La Ruina, possono partecipare a delle serate di "piacevole conversazione" con Saverio La Ruina (Teatro Magnolfi).

la Borto